Movimento Progetto Italia Logo Esteso

Le finalità

In Italia è sempre più diffusa e forte l’esigenza di rimettere in campo una proposta politica ed una nuova aggregazione, che coinvolga esperienze e competenze significative, che abbia solide basi culturali e politiche, che sostenga un progetto di autentico sviluppo, che sia in grado di rappresentare quel vasto elettorato liberaldemocratico, formato da laici, riformisti, cattolici e liberali, che oggi non ha più un riferimento politico.

I capisaldi della nostra società e della nostra cultura politica: i valori della giustizia e della libertà, della democrazia e della partecipazione, del lavoro e dello sviluppo, si stanno gradualmente affievolendo e pongono seriamente in discussione lo Stato di Diritto.

Si avverte, sempre di più, la  necessità di riprendere una comune iniziativa che renda le nostre  Istituzioni più salde e più rappresentative,  il lavoro e le imprese beni preziosi da tutelare, la ricerca, l’innovazione e la tutela dell’ambiente elementi fondamentali per il cambiamento ed il miglioramento della vita dei cittadini.

Le continue aggressioni alle nostre Istituzioni costituiscono una pericolosa deriva antidemocratica, che mette in serio pericolo le nostre libertà ed i principi fondamentali della nostra Carta Costituzionale.

Fonte di pericolo costituisce altresì il tentativo di abbandonare la storica collocazione internazionale del nostro Paese, che non può isolarsi né indebolire i rapporti con l’Europa e con i Paesi occidentali.

Se ciò avvenisse, sarebbe un atto di irresponsabilità, che aggraverebbe la già difficile situazione italiana e creerebbe una drammatica stagione di forte instabilità e di grande incertezza per il futuro dell’Italia.

Occorre in sostanza ritornare alla Buona Politica. Con una classe dirigente, che sia espressione autentica del voto democratico, che abbia credibilità, esperienza e senso dello Stato.

E’ auspicabile, quindi, che le diverse realtà economiche, sociali, culturali e politiche, di ispirazione liberaldemocratica,  si uniscano di nuovo in un grande movimento nazionale, che, sulla base di questi valori, possa dare una guida autorevole e responsabile al Paese.